Viale Leopardi, 64 - 44121 Ferrara (FE) • +39 0532 207390 /+39 0532 210133 • feps01000n@istruzione.it • feps01000n@pec.istruzione.it
Succursale: Via Azzo Novello, 2 (c/o Istituto "V.Monti") • +39 0532 212042

D.L. 8/04/2020 n. 22 - Misure urgenti sulla conclusione e l'avvio dell'a.s. e  svolgimento Esami di Stato

Il LICEO ROITI svolge:
Attività didattica a distanza

Ogni richiesta deve pervenire tramite la modalità online all’indirizzo

feps01000n@istruzione.it

Tutte le pratiche URGENTI non risolvibili in maniera digitale, saranno espletate tramite appuntamento da concordarsi sempre con richiesta all’indirizzo mail sopra riportato in osservanza delle indicazioni riportate nel "PROTOCOLLO DELLA SICUREZZA AZIENDALE - ANTICONTAGIO COVID 19"

(IN OTTEMPERANZA AI DPCM RELATIVI ALL’EMERGENZA CORONAVIRUS)

D.P.C.M. 26/04/2020 (link alla Gazzetta Ufficiale)

Progetto per contrasto divario digitale-interventi per continuità educativa -Regione Emilia Romagna (link alla delibera regionale)

___________________________________________________________________________________________________________________________________________________________

CIRCOLARE N. 186

Ferrara, 29 maggio 2020

Alle famiglie e agli studenti del Liceo Scientifico A.Roiti
Ai Sigg. Docenti

Oggetto: Indicazioni sulle valutazioni di fine anno

Si avvia a conclusione un anno scolastico che non ha precedenti almeno dal dopoguerra. Mai infatti abbiamo visto, di fatto, sottrarre oltre metà del tempo scuola, con la conseguente necessità di ipotizzare e attivare forme di insegnamento inconsuete, utilizzando inoltre strumenti nella maggioranza dei casi poco conosciuti e ancor meno praticati. Devo sottolineare come la stragrande maggioranza dei docenti si sia adoperata con volontà e intelligenza per affrontare al meglio la sfida, nonostante le notevoli difficoltà e un quadro di assieme non sempre chiaro. Mi fa piacere condividere con voi il fatto che questa mia opinione è stata condivisa dal Dott. Desco, Dirigente UST, che ci ha trasmesso il suo personale apprezzamento per il lavoro svolto e per le modalità individuate.

Ora si tratta di “chiudere il cerchio” con la valutazione da attribuire agli studenti in quest’anno tormentato e, anche qui, è necessario operare con quella flessibilità, quella capacità di interpretare il momento e la situazione, quella sensibilità che è stata messa in campo fino ad oggi.

É del tutto evidente che non possiamo limitarci ad una valutazione “canonica”, fatta su verifiche e prove misurate con i nostri parametri ordinari, così come non possiamo neppure abdicare ad una precisa funzione educativa con una sanatoria generalizzata. Abbiamo il dovere di tutelare il percorso degli studenti ma anche di valutare, di valorizzare e, se necessario, esprimere giudizi. Il tutto nella precisa consapevolezza che dovrà essere una valutazione che terrà nel massimo conto le condizioni in cui è esercitata

In conseguenza di questo il Collegio Docenti ha deliberato alcuni indicatori utili alla compilazione di un giudizio sommativo.

La valutazione quindi si articolerà su diversi paradigmi:

  1. La valutazione nel I° trimestre, che è stata regolarmente formalizzata con lo scrutinio;
  2. La valutazione effettivamente effettuata nel secondo periodo, prima della sospensione delle attività didattiche in presenza;
  3. La DAD che deve tenere conto di 3 fattori fortemente interconnessi:
    • risorse cognitive (conoscenze ed abilità),
    • risorse di processo (organizzazione, ricerca, cooperazione, soluzione di problemi),
    • soft skills (verso gli altri, se stesso, il compito, la realtà).
  4. La conoscenza diretta degli studenti

INDICATORI:

  • Partecipazione all’attività didattica (Interesse, attenzione, motivazione)
  • Assiduità di presenza e alle video lezione
  • Impegno e autonomia nelle consegne
  • Atteggiamento generale nei confronti della disciplina
  • Acquisizione di competenze e abilità
  • Efficacia nella comunicazione del messaggio e correttezza dei termini
  • Capacità di ascolto e confronto
  • Capacità nell’utilizzo delle risorse digitali e nella realizzazione di prodotti digitali
  • Progressione del percorso

VOTO DI CONDOTTA

Per tutti è cambiata la modalità (da presenza a distanza), inevitabilmente si è modifica la soglia di attenzione, si sono moltiplicati gli stimoli esterni, si è operato in contesti diversi, specie quello familiare dove si è usi fare “altre” cose, magari in modo istintivo.

Per cui, in mancanza di sanzioni disciplinari o di provvedimenti, i Consigli di Classe opteranno tra il voto 8 e il voto 9 a seconda della valutazione formativa di cui sopra, riservando un eventuale voto 10 per i casi eccezionali e per ragioni di merito.

STUDENTI CON VALUTAZIONI INSUFFICIENTI IN UNA O PIÚ DISCIPLINE

Gli studenti che nel I° trimestre manifestavano diffuse incertezze e insufficienze e quelli che, al termine dell’anno scolastico, evidenziano alcune incertezze, otterranno il passaggio alla classe successiva con eventuale frequenza a corsi di recupero per un massimo di 3 discipline nel mese di giugno con i loro docenti di classe previa disponibilità volontaria degli stessi (o con docenti disponibili), a distanza. Per i docenti delle classi 5^ impegnati nell’esame di Stato, un eventuale recupero potrà essere svolto anche dopo la conclusione dell’Esame.

Gli studenti di cui sopra, inoltre, usufruiranno di un ulteriore periodo di recupero obbligatorio a settembre con i loro docenti di classe, secondo l’orario delle lezioni previsto nel corrente anno scolastico, con le modalità indicate nell’ O.M. n. 11 del 16/05/2020.

Il Dirigente
Dott. Donato Selleri

___________________________________________________________________________________________________________________________________________________________

Agli studenti, genitori, docenti e ATA del Liceo A. Roiti

Gentilissimi, il protrarsi della sospensione delle attività in conseguenza della presente situazione ci costringe a riconsiderare alcune questioni.

Prima di tutto la Didattica a Distanza. Da espediente temporaneo si è trasformata in modalità ordinaria, l’unica modalità in realtà che ci consente di mantenere una relazione educativa e quindi a dare sostanza e significato ad un intervento non più integrativo bensì sostitutivo della tradizionale didattica in presenza.

Questo ci carica di precise e diverse responsabilità: come educatori abbiamo quella di svolgere con ogni mezzo possibile, con la massima disponibilità possibile e con modalità differenziate il nostro lavoro. Proprio la mancanza di interazione diretta ci pone il problema di individuare strategie e di esperire pratiche innovative, di rivedere il concetto stesso di didattica, in uno sforzo di impegno personale e disponibilità al cambiamento, obbligatorio ed indispensabile.

Agli studenti pone la responsabilità di dare significato a questi sforzi e a queste necessità con un atteggiamento di grande maturità. Non è più e non è mai stata una parentesi occasionale, una vacanza imprevista, una pausa persino piacevole. Oggi non abbiamo alcuna percezione di quando potrà protrarsi questa situazione ma abbiamo la precisa consapevolezza che gli effetti sull’anno scolastico e che quindi sulla preparazione degli studenti potranno essere negativi se non ci sarà uno sforzo consapevole di percorrere ogni opportunità offerta, per quanto possa sembrare poca cosa. Quindi affrontate le lezioni, le esercitazioni, le proposte con serietà e rigore, non per il voto o per il risultato ma perché ogni contenuto, ogni apprendimento ricavato è un passaggio in più per la costruzione di quel corredo di competenze che oggi l’emergenza minaccia di sottrarvi.

Ai genitori la responsabilità di motivare, sostenere, vigilare sulle modalità di questa Scuola non a Scuola, non tanto e non solo per stigmatizzare comportamenti dei docenti più o meno aderenti con le aspettative personali, quanto per accompagnare i propri figli in un percorso che dovrà essere necessariamente caricato di valori e non banalizzato o sottovalutato. È probabile, si dice, che l’anno si concluda in maniera sommessa, senza colpi di coda; persino sull’Esame di Stato, spauracchio da generazioni, pesa l’alea dell’incertezza. Ma questo non vuol dire che non si debba fare il possibile, con il massimo impegno, per conseguire la migliore preparazione, alle condizioni date, non per il voto o la promozione, ma per il dopo, quando questo periodo di realtà sospesa sarà terminato.

Ci sono poi i limiti oggettivi, imposti dalla tecnologia, dalle disponibilità personali, dall’organizzazione familiare e da mille altri problemi quotidiani. Nessuno fa miracoli ma, per quanto poco, il Liceo può mettere a disposizione degli studenti alcuni PC portatili, in comodato d’uso gratuito, per chi dovesse averne necessità ed, eventualmente, un supporto tecnico, naturalmente on line, per problemi inerenti l’uso dei mezzi tecnici.

Come vedete, è una responsabilità collettiva. Non eravamo pronti a questo, come Scuola e come Società. Cerchiamo soluzioni, mettiamo in campo ipotesi e percorsi, nell’incertezza del momento e nell’inesperienza. Probabilmente faremo errori e scelte non adeguate ma cerchiamo almeno di trovare coesione e coerenza, nella consapevolezza che, se ognuno fa la sua parte, qualcosa di buono otterremo.

Oggi possiamo scambiarci questo, in attesa di un domani più sereno.

Un cordiale saluto ed un sincero augurio a tutti.

Il Dirigente
Dott. Donato Selleri

___________________________________________________________________________________________________________________________________________________________

Agli studenti, genitori, docenti e ATA del Liceo A. Roiti

ISTRUZIONI OPERATIVE PER L’USO DELLE

PIATTAFORME WEB DURANTE LE VIDEOLEZIONI

Gentili utenti,

La classe virtuale è a tutti gli effetti un ambiente educativo in cui si deve lavorare con gli insegnanti e gli altri compagni in modo costruttivo. Stante l’attuale situazione di emergenza sanitaria “Covid-19”, per realizzare un corretto clima educativo e comunicativo e al fine di garantire il regolare utilizzo delle piattaforme web per lo svolgimento delle attività di didattica a distanza attraverso le video-lezioni, è indispensabile individuare alcune semplici e fondamentali regole di comportamento ed attenersi alle seguenti istruzioni operative.

  1. A ciascuno studente è stata assegnato un account istituzionale e una password provvisoria con l’istruzione di MODIFICARLA AL PRIMO INGRESSO, per la fruizione degli strumenti delle Google suites for Education.
    La password è strettamente personale, non deve essere comunicata a terzi ed il suo utilizzo è strettamente vincolato ai fini didattici dell’uso della piattaforma virtuale. Ogni utente (individuato tramite password) è responsabile di quanto viene da lui fatto nella chat e nella classe virtuale. É vietato consentire l’accesso alla piattaforma a soggetti terzi non autorizzati.
  1. Quando si accede alla classe virtuale per una videolezione è necessario mantenere un comportamento corretto e consono alla situazione educativa, in particolare:
    • rispettare gli orari indicati dal docente;
    • partecipare in maniera attiva e propositiva alle lezioni;
    • se non si hanno problemi di scarsa connessione tenere accesa la telecamera;
    • usare la chat (se autorizzata) solo per messaggi coerenti con la lezione;
    • non utilizzare la piattaforma in modo da danneggiare, molestare o insultare altre persone;
    • non creare e non trasmettere immagini, dati o materiali offensivi, per altre persone o enti;
    • non interferire o danneggiare il lavoro dei docenti o dei compagni;
    • uscire dalla riunione prima del docente che è l’ultimo e chiude la lezione;
    • non rientrare nella video lezione senza la partecipazione del docente, anche se la lezione dovesse rimanere aperta.
  1. Tutti i materiali utilizzati nella videolezione sono ad esclusivo uso didattico e riservati.

Utilizzo del microfono:

  • Prima e durante la video-lezione occorre disattivare il microfono;
  • l’attivazione del microfono deve avvenire solo previa autorizzazione del docente;

Registrazioni audio/video:

  • l’acquisizione e divulgazione di registrazioni audio/video e di immagini, acquisite nel corso della videolezione, sono severamente vietate /o consentite per uso didattico;
  • l’utilizzo non autorizzato delle immagini o video delle lezioni online espongono l’alunno a sanzioni sotto il profilo disciplinare, civile e/o penale.

I docenti responsabili della classe virtuale hanno il diritto di controllare il corretto uso dell’ambiente educativo virtuale e in particolar modo dell’uso fatto della chat, sia con controlli casuali a campione sia su segnalazione di docenti, famiglie o altri compagni.

Si confida nella Vostra collaborazione e nel rispetto del presente regolamento contenente le istruzioni operative predisposte dall’Istituzione Scolastica anche a tutela della privacy per lo svolgimento della didattica a distanza.

Il Dirigente
Dott. Donato Selleri

___________________________________________________________________________________________________________________________________________________________ 

 CIRCOLARE N. 144

Agli Studenti e alle famiglie
del Liceo Scientifico “A. Roiti”

Oggetto: indicazioni sulla didattica a distanza e valutazioni

Vista la nota del Ministero dell’Istruzione Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e di formazione del 17/03/2020 che richiama le note dell’8/03/2020 e del 13/03/2020

Si intendono dare le seguenti indicazioni tenendo conto di una doverosa premessa

Cosa si intende per attività didattica a distanza

Le attività di didattica a distanza, come ogni attività didattica, per essere tali, prevedono la costruzione ragionata e guidata del sapere attraverso un’interazione tra docenti e alunni. Qualsiasi sia il mezzo attraverso cui la didattica si esercita, non cambiano il fine e i principi. Nella consapevolezza che nulla può sostituire appieno ciò che avviene, in presenza, in una classe, si tratta pur sempre di dare vita a un “ambiente di apprendimento”, per quanto inconsueto nella percezione e nell’esperienza comuni, da creare e rimodulare di volta in volta.

  • Il collegamento diretto o indiretto, immediato o differito, attraverso videoconferenze, videolezioni, chat di gruppo;
  • la trasmissione ragionata di materiali didattici, attraverso il caricamento degli stessi su piattaforme digitali e l’impiego dei registri di classe in tutte le loro funzioni di comunicazione e di supporto alla didattica, con successiva rielaborazione e discussione operata direttamente o indirettamente con il docente:
  • l’interazione su sistemi e app interattive educative propriamente digitali

La questione privacy

Il Liceo Scientifico “A. Roiti”, ottempera a quanto previsto dal Regolamento UE 2016/679 all’atto dell’iscrizione di ciascun alunno, non deve perciò richiedere un ulteriore consenso per effettuare il trattamento dei dati personali (già rilasciato al momento dell’iscrizione) connesso allo svolgimento del suo compito istituzionale, come la didattica, anche se con modalità “virtuale” e non nell’ambiente fisico della classe.

La valutazione delle attività didattiche a distanza

La Nota 279/2020 ha già descritto il rapporto tra attività didattica a distanza e valutazione. Nello specifico, se è vero che deve realizzarsi attività didattica a distanza, è altrettanto necessario che si proceda ad attività di valutazione costanti. La valutazione infatti ha sempre anche un ruolo di valorizzazione, che responsabilizza gli allievi, a maggior ragione in una situazione come questa.

All’interno della didattica a distanza possono configurarsi momenti valutativi di vario tipo, nell’ottica di una misurazione complessiva del rendimento, dell’impegno, della responsabilità, della compartecipazione al dialogo educativo. A titolo di esempio

  • colloqui e verifiche orali in videoconferenza, alla presenza di due o più studenti;
  • test a tempo anche attraverso piattaforme e programmi specializzati;
  • Relazioni su contenuti approfonditi con videolezioni e materiali inviati agli studenti con diverse modalità
  • Presentazione di approfondimenti fatta dallo studente in fase di videolezione o su documenti inviati in diversi formati
  • Verifiche e prove scritte, incluse simulazioni di prove d’esame, consegnate tramite classe virtuale, mail e simili;
  • verifiche e prove scritte, comprese simulazioni di prove d’esame, affidate loro per il tramite delle piattaforme virtuali, di mail o di altro appositamente scelto;
  • rilevazione della presenza e della efficace compartecipazione alle lezioni online;
  • regolarità e rispetto delle scadenze;
  • impegno, cura e puntualità nell’elaborazione e nella rimessa degli elaborati.
  • Partecipazione e comportamento in classe virtuale

Nell’augurare buon lavoro, il Dirigente raccomanda ad allievi e famiglie di contribuire responsabilmente alla prosecuzione di uno scambio educativo vitale, proficuo e più che mai necessario in questi giorni di preoccupazione e forzato isolamento.

IL   DIRIGENTE  SCOLASTICO
Dott. Donato  Selleri

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.